logo-fringe-italia

Something In The Whale

It’S Ok To Eat Fish Cause They Don’T Have Any Feelings”: Prima O Poi, Capita A Tutti Di Incontrare Moby Dick. Sempre Se Si Accetta Di Inseguire Ed Essere Inseguiti Dal Proprio Demone. Un Demone Che Gioca Al Rialzo, Che Non Accetta La Ritirata, Che Confonde E Allo Stesso Tempo Illumina Di Senso. Di Qui La Scelta Di Mescolare I Codici Per Cercare Di Avvicinarsi Al Senso Di Balena, Che Non È Mai Una Risposta Ma Piuttosto Una Domanda. Perché, Il Quesito Sulla Natura Del Leviatano Equivale A Domandarci Chi Siamo. Per Questo Avvertiamo Tutti Una Profonda Confidenza Con Il Concetto Di Balena: Un Immenso Grembo Che Sonda Le Profondità Degli Abissi Riaffiorando A Tratti Offrendoci Un Segno. Una Tessitura Di Parole E Musica: Brani Originali Dei Kmfrommyills E Reinterpretazioni Di Nirvana, Death In June, Bonnie Prince Billy, Queens Of The Stone Age, Si Intersecano Alle Parole Di Melville, Tradotte Da Fernanda Pivano E Da Lucilio Santoni. Un Mondo, Un Pensiero, Quello Di Moby Dick Che Trova Finalmente Voce Propria Nel “Monologo Della Balena”. Cinque Figure Umane In Scena, Uno Spazio Scenico Scarno Ed Essenziale, Cha Richiama La Bianchezza Della Balena E La Tentazione Vorticosa Di Assoluto.
Il Lavoro È Concepito Come Studio In Tre Parti: Da Melville A Giona, A Pinocchio. Echi Di Personaggi Dalla Memoria Letteraria E Biblica, Archetipi Significativi Di Una Umanità Alla Ricerca Di Un Senso Alto E Altro.

Something In The Whale

It’S Ok To Eat Fish Cause They Don’T Have Any Feelings”: Prima O Poi, Capita A Tutti Di Incontrare Moby Dick. Sempre Se Si Accetta Di Inseguire Ed Essere Inseguiti Dal Proprio Demone. Un Demone Che Gioca Al Rialzo, Che Non Accetta La Ritirata, Che Confonde E Allo Stesso Tempo Illumina Di Senso. Di Qui La Scelta Di Mescolare I Codici Per Cercare Di Avvicinarsi Al Senso Di Balena, Che Non È Mai Una Risposta Ma Piuttosto Una Domanda. Perché, Il Quesito Sulla Natura Del Leviatano Equivale A Domandarci Chi Siamo. Per Questo Avvertiamo Tutti Una Profonda Confidenza Con Il Concetto Di Balena: Un Immenso Grembo Che Sonda Le Profondità Degli Abissi Riaffiorando A Tratti Offrendoci Un Segno. Una Tessitura Di Parole E Musica: Brani Originali Dei Kmfrommyills E Reinterpretazioni Di Nirvana, Death In June, Bonnie Prince Billy, Queens Of The Stone Age, Si Intersecano Alle Parole Di Melville, Tradotte Da Fernanda Pivano E Da Lucilio Santoni. Un Mondo, Un Pensiero, Quello Di Moby Dick Che Trova Finalmente Voce Propria Nel “Monologo Della Balena”. Cinque Figure Umane In Scena, Uno Spazio Scenico Scarno Ed Essenziale, Cha Richiama La Bianchezza Della Balena E La Tentazione Vorticosa Di Assoluto. Il Lavoro È Concepito Come Studio In Tre Parti: Da Melville A Giona, A Pinocchio. Echi Di Personaggi Dalla Memoria Letteraria E Biblica, Archetipi Significativi Di Una Umanità Alla Ricerca Di Un Senso Alto E Altro.

Compagnia Teatrale
Associazione Franco
di
Civitanova Marche

Presentazione del Progetto
La performance è completamente realizzata puntando ad una completa sostenibilità (bassissimi costi) e ad un’alta elasticita ( si adatta a qualsiasi spazio scenico). Autosufficiente sotto il profilo tecnico (necessita di un impianto audio ed è a basso consumo elettrico) la struttura cubica in scena (2×2 metri) cambia di forma nel corso della performance ed è stata creata seguendo l’idea di istallazione artistica.

Autore
Associazione Franco

Regia
Associazione Franco

Attori
Oscar Genovese Romina Antonelli Caterina Trucchia Manuel Coccia Roberto Marinelli

Numero di Attori
5

Durata
50 min

Genere
Performing Art

CONTATTA LO SPETTACOLO

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Something In The Whale”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.