logo-fringe-italia

L’Inganno Della Tragedia

Quattro Statue Antiche All’Improvviso Prendono Vita E Si Presentano Al Pubblico Come Quattro Divinità Classiche Con La Voglia Di Raccontare Delle Loro Origini E Di Argomentare Sulle Vicende Tragiche Che Le Riguardano.
La Loro Affermazione È Chiara Ed Elementare: Noi Non Esistiamo! … Non Siamo Veri! …Semplicemente Affermano Di Rappresentare Nient’Altro Che La Forma Di Un’Idea …Di Una Trasposizione Mentale Che Gli Uomini Hanno Degli Dei.Una Sorta Di Materializzazione Del Pensiero Umano,Traduzione Necessaria Di Una Limitata Condizione, Più O Meno Inconsapevole Scelta Di Comodo Per Disporre All’Occorrenza Di Soluzioni Impossibili.Il “Deus Ex Machina” Che Irrompe All’Improvviso Ed Appiana I Conflitti, Salva, Uccide, Vendica …In Qualche Modo … Risolve!
Certa E Risoluta È L’Indisponibilità Dei Nostri Personaggi A Fungere Ancora Una Volta Da Alibi Ed Il Loro Richiamo Al Senso Di Responsabilità, Si Colloca A Metà Tra Un Impietoso Atto Di Accusa Ed Una Ambigua Presa In Giro.… Più Che Una Tragedia Antica …. Una Miscellanea Di Brani Classici
Con Una Dose Di Ironia, Due Di Ambiguità, Una Punta Di Grottesco Ed Un Po’ Di Retrogusto Amaro …Nulla Di Più Che Uno Scherzo Tragico!

L'Inganno Della Tragedia

Quattro Statue Antiche All’Improvviso Prendono Vita E Si Presentano Al Pubblico Come Quattro Divinità Classiche Con La Voglia Di Raccontare Delle Loro Origini E Di Argomentare Sulle Vicende Tragiche Che Le Riguardano. La Loro Affermazione È Chiara Ed Elementare: Noi Non Esistiamo! … Non Siamo Veri! …Semplicemente Affermano Di Rappresentare Nient’Altro Che La Forma Di Un’Idea …Di Una Trasposizione Mentale Che Gli Uomini Hanno Degli Dei.Una Sorta Di Materializzazione Del Pensiero Umano,Traduzione Necessaria Di Una Limitata Condizione, Più O Meno Inconsapevole Scelta Di Comodo Per Disporre All’Occorrenza Di Soluzioni Impossibili.Il “Deus Ex Machina” Che Irrompe All’Improvviso Ed Appiana I Conflitti, Salva, Uccide, Vendica …In Qualche Modo … Risolve! Certa E Risoluta È L’Indisponibilità Dei Nostri Personaggi A Fungere Ancora Una Volta Da Alibi Ed Il Loro Richiamo Al Senso Di Responsabilità, Si Colloca A Metà Tra Un Impietoso Atto Di Accusa Ed Una Ambigua Presa In Giro.… Più Che Una Tragedia Antica …. Una Miscellanea Di Brani Classici Con Una Dose Di Ironia, Due Di Ambiguità, Una Punta Di Grottesco Ed Un Po’ Di Retrogusto Amaro …Nulla Di Più Che Uno Scherzo Tragico!

Compagnia Teatrale
TEATRIMPROBABILI
di
ROMA

Presentazione del Progetto
Lo sgomento, l’orrore dell’essere umano di fronte al vuoto, all’oblio.La sua paura della morte ed il rifiuto del passaggio tra l’essere e lo svanire nel Nulla. Questa fragilità umana, già ampiamente presente durante l’età classica delle grandi tragedie, si manifesta con evidenza quando l’essere umano cerca di esorcizzare la propria condizione finita, creando e venerando divinità che egli stesso ha concepito a propria immagine e somiglianza

Autore
MAURO LICOCCIA

Regia
MAURO LICOCCIA

Attori
SANDRO CALABRESE GIUSY MATERA GABRIELLA TAMBONE DANIELA BRUNO ADRIANO ISOPI

Numero di Attori
5

Durata
50

Genere
Dramma

CONTATTA LO SPETTACOLO

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “L’Inganno Della Tragedia”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi