logo-fringe-italia

Il canto dei barboni

IL CANTO DEI BARBONI
Spettacolo teatral-musicale di stile felliniano
Sbucano da un angolo della strada, spingono un carretto carico di “meraviglie”,
indossano cappotti (d’estate e d’inverno), mormorano riflessioni poco gentili..
Sono tre, incluso il cane. Sono barboni. E sono un branco.
C’è la Signora, l’autorità indiscussa, che lamenta la gallina ammazzata.
C’è l’omone che suona la bottiglia e beve al trombone.
Ce il cane diventato persona, che riempie il vuoto lasciato di qualcunaltro.
Sanno suonare e cantare; un residuo di un’esistenza migliore, non tanto lontana nel
tempo.
I loro ricordi affiorano all’improvviso in un torrente di musica fanfarona dagli stili
all’apparenza inconciliabili: dal piemontese, al’ irlandese, allo yiddish, al classico, alla hit –
parade italiana.
Ogni brano musicale svela un pezzo della loro storia: incubi, gelosie, ilarità, ironia;
provoca dispetti, complicità, rimpianti,…
Ogni parola prende un significato diverso, fa guardare all’ indietro, tocca. Ma non è
pesante, rimane nell’ aria…..

Una visione di un avvenire
che non si può escludere dalla reale possibilità di una qualsiasi vita

Il canto dei barboni

IL CANTO DEI BARBONI Spettacolo teatral-musicale di stile felliniano Sbucano da un angolo della strada, spingono un carretto carico di “meraviglie”, indossano cappotti (d’estate e d’inverno), mormorano riflessioni poco gentili.. Sono tre, incluso il cane. Sono barboni. E sono un branco. C’è la Signora, l’autorità indiscussa, che lamenta la gallina ammazzata. C’è l’omone che suona la bottiglia e beve al trombone. Ce il cane diventato persona, che riempie il vuoto lasciato di qualcunaltro. Sanno suonare e cantare; un residuo di un’esistenza migliore, non tanto lontana nel tempo. I loro ricordi affiorano all’improvviso in un torrente di musica fanfarona dagli stili all’apparenza inconciliabili: dal piemontese, al’ irlandese, allo yiddish, al classico, alla hit – parade italiana. Ogni brano musicale svela un pezzo della loro storia: incubi, gelosie, ilarità, ironia; provoca dispetti, complicità, rimpianti,… Ogni parola prende un significato diverso, fa guardare all’ indietro, tocca. Ma non è pesante, rimane nell’ aria….. Una visione di un avvenire che non si può escludere dalla reale possibilità di una qualsiasi vita

Compagnia Teatrale
Teatro Schabernack/Associazione culturale Melquiades
di
Montelaterone(GR)

Autore

Teatro Schabernack

Regia
Teatro Schabernack

Scenografia

Musiche
Charlie Caplin,Nino Rota,Paolo Conti

Coreografia

Costumi
Teatro Schabernack

Numero di Attori
2

Durata
40 minuti

Genere
musical

CONTATTA LO SPETTACOLO

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Il canto dei barboni”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi