logo-fringe-italia

Il canto dei barboni

IL CANTO DEI BARBONI
Spettacolo teatral-musicale di stile felliniano
Sbucano da un angolo della strada, spingono un carretto carico di “meraviglie”,
indossano cappotti (d’estate e d’inverno), mormorano riflessioni poco gentili..
Sono tre, incluso il cane. Sono barboni. E sono un branco.
C’è la Signora, l’autorità indiscussa, che lamenta la gallina ammazzata.
C’è l’omone che suona la bottiglia e beve al trombone.
Ce il cane diventato persona, che riempie il vuoto lasciato di qualcunaltro.
Sanno suonare e cantare; un residuo di un’esistenza migliore, non tanto lontana nel
tempo.
I loro ricordi affiorano all’improvviso in un torrente di musica fanfarona dagli stili
all’apparenza inconciliabili: dal piemontese, al’ irlandese, allo yiddish, al classico, alla hit –
parade italiana.
Ogni brano musicale svela un pezzo della loro storia: incubi, gelosie, ilarità, ironia;
provoca dispetti, complicità, rimpianti,…
Ogni parola prende un significato diverso, fa guardare all’ indietro, tocca. Ma non è
pesante, rimane nell’ aria…..

Una visione di un avvenire
che non si può escludere dalla reale possibilità di una qualsiasi vita

Il canto dei barboni

IL CANTO DEI BARBONI Spettacolo teatral-musicale di stile felliniano Sbucano da un angolo della strada, spingono un carretto carico di “meraviglie”, indossano cappotti (d’estate e d’inverno), mormorano riflessioni poco gentili.. Sono tre, incluso il cane. Sono barboni. E sono un branco. C’è la Signora, l’autorità indiscussa, che lamenta la gallina ammazzata. C’è l’omone che suona la bottiglia e beve al trombone. Ce il cane diventato persona, che riempie il vuoto lasciato di qualcunaltro. Sanno suonare e cantare; un residuo di un’esistenza migliore, non tanto lontana nel tempo. I loro ricordi affiorano all’improvviso in un torrente di musica fanfarona dagli stili all’apparenza inconciliabili: dal piemontese, al’ irlandese, allo yiddish, al classico, alla hit – parade italiana. Ogni brano musicale svela un pezzo della loro storia: incubi, gelosie, ilarità, ironia; provoca dispetti, complicità, rimpianti,… Ogni parola prende un significato diverso, fa guardare all’ indietro, tocca. Ma non è pesante, rimane nell’ aria….. Una visione di un avvenire che non si può escludere dalla reale possibilità di una qualsiasi vita

Compagnia Teatrale
Teatro Schabernack/Associazione culturale Melquiades
di
Montelaterone(GR)

Autore

Teatro Schabernack

Regia
Teatro Schabernack

Scenografia

Musiche
Charlie Caplin,Nino Rota,Paolo Conti

Coreografia

Costumi
Teatro Schabernack

Numero di Attori
2

Durata
40 minuti

Genere
musical

CONTATTA LO SPETTACOLO

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Il canto dei barboni”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.