logo-fringe-italia

Circensis

Un lavoro che guarda in direzione del passato, verso l’infanzia, verso il ricordo di un circo povero, di quartiere. Il tempo: fine degli anni sessanta. I ricordi di quegli anni, del clima e delle sensazioni che si vivevano, si mescolano continuamente a citazioni della Divina Commedia, e a fatti storici contemporanei o tradizioni, canzoni patriottiche, usi e costumi argentini, Ma il fondo é la solitudine. La solitudine di un’infanzia triste, povera, incompresa, vista dal bambino, dalla madre, dalla madre che é stata quel bambino. Le conseguenze? Lo scetticismo assoluto, la solitudine assoluta.

Circensis

Un lavoro che guarda in direzione del passato, verso l’infanzia, verso il ricordo di un circo povero, di quartiere. Il tempo: fine degli anni sessanta. I ricordi di quegli anni, del clima e delle sensazioni che si vivevano, si mescolano continuamente a citazioni della Divina Commedia, e a fatti storici contemporanei o tradizioni, canzoni patriottiche, usi e costumi argentini, Ma il fondo é la solitudine. La solitudine di un’infanzia triste, povera, incompresa, vista dal bambino, dalla madre, dalla madre che é stata quel bambino. Le conseguenze? Lo scetticismo assoluto, la solitudine assoluta.

Compagnia Teatrale
los toritos
di
roma

Autore
daniel fermani

Regia
laura sales

Scenografia

Musiche

Coreografia

Costumi

Numero di Attori
4

Durata
40

Genere
dramma

CONTATTA LO SPETTACOLO

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Circensis”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi